Covid a Vazzola, i sindacati: «Attivato subito il contenimento, corriamo un rischio sociale»

L‘azienda ha deciso di spostare alcune lavorazioni su altri stabilimenti del Gruppo e di occupare nei vari turni personale adeguatamente distanziato

Fra i lavoratori dello stabilimento Agricola Tre Valli di Vazzola - Gruppo Veronesi, del comparto industria alimentare settore avicolo, si sono riscontrati più di una ventina di casi di positività al Covid-19, in gran parte asintomatici. «L’azienda – riportano le sigle di categoria FLAI CGIL, FAI CISL e UILA UIL territoriali – oltre alle misure previste dai vari DPCM in materia di sicurezza e prevenzione, dopo il confronto con i sindacati, ha attivato l’uso del termoscanner per la misurazione delle temperature corporee all’ingresso dello stabilimento, che conta circa 700 lavoratori fra occupati diretti e alle dipendenze di una cooperativa. Inoltre, sapendo quanto la celerità d’intervento in questi casi sia determinante, le organizzazioni e le rappresentanze sindacali hanno subito richiesto e ottenuto dall’Ulss competente la disponibilità all’effettuazione di uno screening di massa su tutti i lavoratori presenti nel sito produttivo, poiché inizialmente il numero di tamponi era troppo esiguo per dare una fotografia reale del livello del contagio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre dal confronto con i sindacati, l‘azienda ha poi anche deciso di spostare alcune lavorazioni su altri stabilimenti del Gruppo, al fine di ridurre il numero dei lavoratori presenti a Vazzola e di occupare nei vari turni personale adeguatamente distanziato. «Pur apprezzando l’impegno e l’accoglimento dei nostri suggerimenti da parte della Direzione aziendale, siamo ovviamente preoccupati dell’evolversi della situazione – affermano i segretari generali Rosita Battain (FAI CGIL), Andrea Meneghel (FAI CISL), e Michele Gervasutti (UILA UIL) – Per cercare di isolare i contagi, confidiamo in una piena collaborazione fra rappresentanze dei lavoratori, azienda e Autorità sanitarie, nel rispetto dei specifici ruoli, con l’auspicio di limitare con tutte le precauzioni possibili in materia di sicurezza il diffondersi dell’infezione tra i lavoratori e le loro famiglie. Corriamo infatti – sottolineano i segretari – anche un rischio di natura sociale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Diocesi di Treviso, nominati i nuovi sacerdoti della provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento