rotate-mobile
Attualità Godega di Sant'Urbano

Vigneti vicino alle scuole e agli ospedali: il no arriva anche dal Governatore Luca Zaia

Il Presidente della Regione Veneto: "Ai produttori chiediamo di evitare di far progetti di nuovi vigneti vicino a zone sensibili perché poi è inutile lamentarsi che nasce un comitato. Bisogna trovare una soluzione di equilibrio"

Dalla Fiera di Godega di Sant'Urbano arrivano parole dure del Governatore Zaia contro la piantumazione di nuovi vigneti nelle zone sensibili della Marca: "Il prosecco oggi è un valore per il territorio, son 540 milioni di bottiglie, è il vino a denominazione che fa la più grande produzione al mondo, supera lo champagne, cresce ancora anche a doppia cifra in giro per il mondo, è un vino facile, è un vino che se voi immaginate di avere la bacchetta magica e far sparire tutto ciò che è prosecco dal nostro territorio ci sarebbe desolazione soprattutto in agricoltura; in agricoltura quei due soldi che si fanno, si fanno con il vigneto oggi, oltre a tutto l’indotto".

"Se quelli del prosecco fossero 'quattro sfigati' che non guadagnano soldi nessuno si preoccuperebbe di loro continua Zaia - In Veneto abbiamo 52 denominazioni di vini ma sembra che il prosecco sia la causa di tutti i mali. Ho l’impressione che un po’ di odio sociale di sia: siccome il mio vicino di casa sta facendo fortuna bisogna cominciare a 'bombardare'. Chi fa prosecco ha una responsabilità pubblica, civica, che è quello di rispettare l’ambiente, il territorio e dare il buon esempio anche per quelli che non fanno bene, a loro deve essere riconosciuto questo ruolo, di indicare la via, e quindi di pensare a un agricoltura sempre più sostenibile. Ai cittadini di capire che non è che se il povero del paese diventa ricco allora quello è uno che ha rubato, molto probabilmente è uno che si è dato da fare, nessuno si ricorda dei contadini quando si spaccavano la schiena e non guadagnavano soldi, andate a vedere sulle colline le condizioni in cui lavorano questi agricoltori, ci vuole anche un po’ di rispetto per chi lavora. Ai produttori chiediamo un altro impegno: non piantate glera perché altrimenti vi rimane sulle piante. Evitate di far progetti di nuovi vigneti vicino alle case, vicino alle scuole, vicino agli asili, vicino agli ospedali perché andate a farvi male, è inutile poi che vi lamentiate perché nasce il comitato. Bisogna trovare una soluzione di equilibrio". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigneti vicino alle scuole e agli ospedali: il no arriva anche dal Governatore Luca Zaia

TrevisoToday è in caricamento